lunedì 26 ottobre 2015

DIGITALE E CARTACEO

sono alle prese con A un cerbiatto somiglia il mio amore di Grossman e confesso che all'inizio ho fatto fatica, taaanta fatica.
non coglievo il filo, mi perdevo da una riga all'altra, perché non sempre è esplicito il soggetto della frase o il cambio è repentino.
ho tenuto duro per cocciutaggine, ma mi ha aiutato il giudizio di mia zia, la proprietaria del suddetto, la quale mi ha detto anche io ho faticato, all'inizio! 
non mi sono persa d'animo, quindi, e adesso sono a pagina 423.
wow! eh, ma è un tomo da 780!

nel frattempo ogni tanto compro e-book per il Kombo, più spesso ne metto qualcuno nella lista dei desideri così che me li comprerò col tempo, tipo un paio al mese, anche in base al costo.

leggo in giro di saghe che creano dipendenza (vedi  Outlander di Diana Gabaldon) e che mi vengono consigliate anche dalle colleghe; ho ricordi di altre saghe meno recenti che avrei voluto leggere ma ancora non l'ho fatto (vedi Hunger Games) o trovo titoli di romanzi facili, a 3€, che vanno bene per inebetire il cervello, tra una lettura impegnativa e l'altra...

ah, nota importante: una delle due zie di Genova si è lasciata corrompere e si è comprata il Kindle.
ha ammesso che un libro di carta non si batte, ma anche che portarsi in borsa 3000 libri da 1000 pagine, ha un che di...pratico!

Love,
MC

giovedì 8 ottobre 2015

+29 *** UN INVERNO CON BAUDELAIRE *** HAROLD COBERT (o della fine del ventinovesimo libro nel 2015)

mi è piaciuto tanto, questo libro.

siamo a Parigi, una Parigi di oggi.
Philippe ha la vita stravolta da un evento che ne determinerà il primissimo destino e anche quello un po' più in là, Baudelaire è un cane. il suo cane.

adesso guardo diversamente chi è disperato, chi senza un tetto.
chissà che storia c'è dietro ognuna di queste anime.
...ma anche un po' di più! 

ancora una volta la libreria delle zie di Genova si dimostra degnissima e valida.
applausi.

adesso prendo in mano A un cerbiatto somiglia il mio amore di David Grossman.
780 pagine di romanzo il cui titolo suona molto biblico, e ho intravisto che ci troviamo in terre mediorientali...
mi incuriosisce.

Love,
MC



lunedì 5 ottobre 2015

+28 *** L' AMORE E' UNO SBAGLIO STRAORDINARIO *** DANIELA VOLONTE' (o della fine del ventottesimo libro nel 2015)

questo libro non mi è piaciuto chissà quanto.
forse l'ho trovato troppo simile al precedente, Buonanotte amore mio, con lo stesso schema di divisione dei capitoli, una sequenza di eventi paragonabile, le figure dei protagonisti con molti tratti in comune.
non so quale dei due sia stato scritto prima, giacché entrambi sono stati pubblicati nel 2015, ma mi ha stupito la somiglianza dei due romanzi.

anche questo è un libro da ombrellone, forse ancora più del precedente e sono contenta di averlo comprato in formato digitale. lo consiglierei? questo no, Buonanotte amore mio un po' di più. sempre per staccare il cervello da letture impegnate, però, eh?

il prossimo libro (cartaceo, dalla libreria delle zie di Genova) è Un inverno con Baudelaire di Harold Cobert, che direi ambientato a Parigi, vista la copertina con una Tour Eiffel stilizzata.

Love,
MC

venerdì 2 ottobre 2015

+27 *** LETTERE CONTRO LA GUERRA *** TIZIANO TERZANI (o della fine del ventisettesimo libro nel 2015)

il libro meno ascetico tra quelli di Terzani che letti fino ad ora, inizia il giorno dopo la caduta delle torri gemelle, 11 settembre 2001.
data che tutti ricordiamo, con la stessa intensità con cui ignoriamo completamente, come se non fosse mai esistito, il giorno prima, il 10 settembre 2001.
allo stesso modo è praticamente impossibile non ricordarsi, finché si starà al mondo, dove si era, come e con chi l'11 settembre 2001 quando ognuno di noi ha saputo dell'attentato.
io ne ho un ricordo vivissimo. mi sembra ieri.
sembra brutto dirlo, ma il ricordo di quella giornata ha più dettagli inutili che la mia memoria del giorno del mio matrimonio, per esempio.
non ricordo, per dire, fino a che ora c'è stato il sole e quanto intenso nel giorno del mio matrimonio, ma so per certo che l'attimo prima di vedere in televisione il crollo della prima torre, sui Castelli Romani c'era il sole, caldo, e che la giornata era molto bella, ancora estiva.

insomma, Terzani ci scrive lettere da alcuni punti del mondo orientale dopo quel fatidico giorno, in cui tutto cambiò.
forse dobbiamo rendercene ancora conto, ma tutto cambiò.

contro la guerra, contro ogni tipo di guerre, ho la sensazione che, come nel suo caso, a volte i migliori politici siano coloro i quali dalla politica vogliono tenersi il più lontano possibile. peccato. aveva tante idee intelligenti, che se anche oggi venissero ascoltate, forse, magari, si potrebbe fare qualcosa di buono di questo nostro pianeta...

sono tornata alla leggerezza di pagine, adesso, con il secondo e-book di Daniela Volontè L'amore è uno sbaglio straordinario.
l'ho iniziato ieri sera. anche questo leggerissimo, libro defaticante, che ogni tanto serve.

Love,
MC

NEI SOGNI

ci sono canzoni che entrano sotto pelle al primo ascolto, tipo  In Dreams di Roy Orbison ci siamo presentate qualche giorno fa trami...